martedì 15 dicembre 2015

Giappone in recessione....anzi no!

Le stime iniziali sul terzo trimestre nipponico, che prevedevano una contrazione annualizzata del Prodotto Interno Lordo pari a 0,8 punti percentuali, si sono rivelate totalmente e sorprendentemente errate. Infatti nel terzo trimestre il Pil è cresciuto ad un tasso annualizzato dell'1% (0,3 punti percentuali  rispetto al secondo trimestre).
Il risultato, decisamente migliore rispetto alle attese, è stato spinto in modo particolare dall'aumento degli investimenti di capitale delle imprese, incrementato dello 0,6% (inizialmente era stato previsto un calo dello stesso dato dell'1,3%).
Quindi la politica economica portata avanti dal premier Shinzo Abe, sulla quale ha scommesso l'intero suo mandato con il referendum vinto lo scorso anno, ha cominciato a dare i suoi frutti.
Come risaputo l'Abenomics prevede una politica economica decisamente espansiva per mantenere il tasso di inflazione attorno al 2%, tassi di interesse negativi per disincentivare il risparmio ed aumento della spesa pubblica.
L'economia giapponese, che è la terza mondiale, torna dunque sul binario dell'espansione.
Espansione che da prime stime dovrebbe essere confermata anche nell'ultimo trimestre del 2015 scongiurando il rischio di ripetere il risultato negativo dello scorso anno (caratterizzato dalla recessione) influenzato dall'aumento dell'IVA.
Il governo quindi proseguirà con la politica economica sostenuta da Abe promovendo una manovra fiscale da  3000 miliardi di Yen per sostenere il settore agricolo e la fasce più deboli della popolazione.
Grazie all'inatteso aumento delle entrate fiscale il governo non avrà la necessità di ricorrere alla vendita di titoli di stato per finanziare la suddetta manovra.
Resta ora da vedere se le imprese ritoccheranno in positivo i salari dei lavoratori così da sostenere la crescita economica attraverso i consumi interni.
Infatti una delle maggiori critiche all'Abenomics è proprio legata alla possibile mancanza di allineamento dei salari che porta inevitabilmente ad una riduzione del potere d'acquisto della popolazione locale.

2 commenti:

  1. Buonasera…
    che è stata molti fregata io hanno perso speranza poiché che vuole un prestito di 23.000€, ma io hanno inteso parlato della Sig.ra CINZIA Milani. All'inizio ero un po'che diffida ma dopo le diverse procedure rassicurate per noi due io hanno finito per avere il prestito chiesto sul mio conto. Volete prendere contatto con essa se avete bisogno di un prestito presso una persona onesta e serietà ecco la sua mail contattate - rapidamente: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
  2. offerta di prestito
    Sei alla ricerca di finanziamenti, per riprendere le vostre attività, sia per un progetto, o per comprare un appartamento, ma, purtroppo, la banca ti chiede le condizioni in cui si è in grado di riempire. Una donna d'affari disponibili a concedere prestiti a chiunque in grado di far fronte ai propri impegni. Egli aiutare ottenere il mio prestito di 45.000 € per la mia attività e mi sento sollevato grazie a questa donna, in caso contrario il tasso di interesse è del 2% annuo. Si prega di contattare lei che hai bisogno di un prestito
    E-mail: varonealessandra01@gmail.com
    WhatsApp: 0033 644398743

    RispondiElimina